News dalla Flotta 808 – Report attività 2020, un anno che ricorderemo

A leggere quest’anno (venti venti) ci dovevano essere tutte le buone premesse per una stagione ventosa ricca di eVenti! E invece arriva questo maledetto covid19: “ma tanto è lontano, in Cina”, si diceva. L’attenzione era minima: qualcuno disegnava il corona-virus stigmatizzando con gli scafi di una nota marca di birra. Contestualmente ci si è riuniti nei primi mesi dell’anno a casa di qualche ospitale 808 per un ripasso generale sulle regole di regata: il calendario dell’attività era quasi pronto, mancavano gli ultimi dettagli ma arrivarono purtroppo i primi dpcm governativi, poi le ordinanze regionali, quindi quelle comunali in un groviglio di caos normativo.

Lockdown!! Allora tutti a postare e/o votare sul web per il concorso fotografico Hobie Contest ideato dall’associazione italiana di classe in attesa di leggere la prima ordinanza che consentiva almeno di tornare alla base nautica per una prima manutenzione. Nel frattempo, blindati in casa, si fantasticava con le più strampalate idee degli imprenditori balneatori (ombrelloni dentro il plexiglass) su come dovesse essere la “Palma della Flotta”, per stare allegramente insieme al rientro dopo l’uscita in mare nel consueto vero spirito della Hobie Way of Life.

La curva del contagio inizia a decrescere e quindi gli 808’s, come in una planata sull’onda epidemica in discesa, contestualmente alle varie revoche dei divieti, riprendono l’attività fortunatamente non avendo avuto conseguenze di contagio nei suoi associati.

Anche se il virus ha perso forza, gli assembramenti comunque vengono evitati: a malincuore, il “Raid” (organizzate già 6 volte negli anni precedenti, con la partecipazione massima di ben 23 (ventitre) catamarani nell’anno 2016), uno degli eventi più aspettati e sentiti dal punto di vista dell’aggregazione Hobie Way, quest’anno non si svolge. Evitati anche i famosi “atolli 808” (riunione al largo di cats attaccati insieme per il crew party). Anche il trofeo Cozzolino, a ricordo di Paolo, dopo 4 edizioni, ed anche a causa di condizioni meteo marine avverse, viene annullato. Comunque le uscite si effettuano (anche notturne), sempre distanti ma uniti: come ci ha insegnato il nostro più illustre concittadino, il vate Gabriele D’Annunzio: “Ricordati di osare sempre. Anche con i venti contrari”.

Alla fine del mese di luglio, il nostro istruttore federale Mauro ci dà una bellissima notizia: considerate le defezioni del circolo velico di Arco sul lago di Garda e di Dervio sul lago di Como che rinunciano all’organizzazione rispettivamente dell’italiano HC16 classic e di quelli giovanili FIV, d’accordo con i vertici nazionali di federazione e di classe, accetta l’invito ad organizzarla lui come circolo Svagamente.

Gli allenamenti si intensificano, ci si prodiga nel tesseramento arrivando come ogni anno per numero tra le flotte italiane con più iscritti; vengono realizzate t-shits 808 hobiewayèpersempre by Paolo & Diana, creazione di pins, adesivi e bandiere per l’occasione e per un settembre fitto di appuntamenti.

Il campionato è organizzato magistralmente, come al solito, dal circolo velico Svagamente con il suo magnifico staff.

Moltissimi crews youths nella classe Dragoon: Giulia, Pietro, Alice, Caterina, Marcello, Camilla, Damiano, Chiara, Enrica, Maria Sofia, Beatrice, Vincenzo, Matteo (spero di non aver dimenticato qualcuno!). Viene conquistato l’ennesimo titolo italiano a riprova dell’ottima scuola vela.

Ma anche nei sedici la Flotta 808 risponde, come al solito, nella massiva partecipazione: 13 crews con una percentuale del 41% del totale iscritto in questa classe (percentuali sempre alte negli anni:  20% nel 2019, 25% nel 2018, 36% nel 2017, 28% nel 2016, 33% nel 2015).

I risultati in classifica non sono esaltanti ma nello spirito della HOBIE HAW OF LIFE la flotta di Pescara è la numero 1!  A fine campionato, dopo la premiazione dei big crews, c’è la premiazione “Beato ultimo 808”, speciale classifica solo di flotta 808 letta al contrario, cioè leggendo il foglio rovesciato come in una scuffia a 180°! Classifica fatta di consueto più da lettere (dnf, dns, …) che da numeri: ma lo speciale regolamento, gelosamente custodito dall’amico e sponsor Paolo, esclude gli equipaggi youths, coloro che sono alla prima regata ed altro… Ospitato volentieri anche un crew della flotta 302 Bracciano 3V che non è partito immediatamente dopo la conclusione del campionato. La serata si svolge in un clima di grandissima armonia, svago e sfottò, in una atmosfera ovviamente fumosa di arrosticini!

Anche nella consueta Velandiamo, la “Barcolana” dei pescaresi, la partecipazione degli hobiecatters dannunziani è numerosa.

Tutto pronto per “HOBIE16 Le Mans”, evento ludico non agonistico 808 a chiusura e “saluto” dell’estate:  bisogna aspettare comunque che la battigia sia libera dai bagnanti, cosa non facile in una città che usufruisce dei servizi degli stabilimenti balneari fino a fine settembre. La formula dell’evento è uguale alla famosa partenza automobilistica delle 24 ore di Le Mans. In questo caso l’hobie cat 16 è in battigia tenuto per le briglie stralli prua dal prodiere mentre il timoniere corre da una certa distanza per raggiungere il compagno per partire. Evento già svolto molti anni addietro con spettacolare partenza di circa 20 cats verso il mare aperto senza l’imbuto delle scogliere oppure con la “tramonto cup” (macht race con 4 sedici al tramonto d’estate). Questa volta gli equipaggi si sfidano in batterie di qualificazione (al massimo 4 barche) per evitare criticità in entrata ed uscita dalle scogliere frangiflutti. Quindi ripescaggi perdenti “last chance” per passaggio turno, semini finali e finali. Lo scopo primario è quello di avvicinare molti proprietari e crews non amanti dell’agonismo, quelli non racers, coinvolgendoli comunque nella hobie way of life, sperando di vederli aggregati anche nelle future regate.

Viene effettuata prova di partenza la settimana precedente la data prefissata ma c’è ancora troppa gente in spiaggia. Infatti la città di Pescara può vantarsi tra le poche in Italia di avere un litorale e quindi una spiaggia usufruibile in pieno centro città. La stagione balneare si allunga anche perchè partita in ritardo per il lockdown. Purtroppo poi il meteo non sarà favorevole (pioggia ed inusuale primo freddo) per il suo svolgimento. Non mancherà occasione per disputarla con i bellissimi trofei già elaborati da Massimo.   

Entra l’autunno, come il freddo vento da nord di tramontana e la sua alta onda, al momento di scrivere arriva la seconda ondata di questo maledetto virus! Arriva l’undicesimo dpcm dal governo….

Sempre #unitimadistanti,

ad majora, Hobie Way of Life!

Il Commodoro

Sandro Marino

 

Galleria Foto

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *