News dalla Flotta 808 – Pescara – 2° Cerrano Raid

Dopo due rinvii dovuti a cause meteomarine avverse, si è disputata sabato 22 e domenica 23 la tanto attesa CERRANO RAID, veleggiata riservata ai catamarani da Pescara alla Torre di Cerrano (nel comune di Pineto in provincia di Teramo). La manifestazione, giunta alla sua seconda edizione ha sostituito il tradizionale appuntamento degli anni precedenti del Raid dei Saraceni che vedeva allora le prue dei cats verso sud lungo la costa dei Trabocchi.

Dopo tantissimi incontri, anche con la stampa, scambio di emails e telefonate con l’ente parco Area Marina Protetta Torre del Cerrano (www.torredelcerrano.it), si ottengono le dovute autorizzazioni/permessi. La veleggiata suddivisa in due giorni tra andata e ritorno di appena 16 miglia ha visto la partecipazione di 17 crews (4 dragoons e 13 sedici). La flotta, diretta dall’istruttore federale Mauro Di Feliceantonio della Svagamente sailing Team asd, aiutato da Michela Pachera in mare nonchè da Carmine D’Adamo nella logistica trasporto terrestre dei bagagli (perdonatemi se dimentico qualcuno!), coadiuvati nei contatti con gli associati della Flotta 808 di Pescara dal suo commodoro Sandro Marino, dopo il briefing, ha diretto la prua verso nord intorno alle ore 13 di sabato con una leggera brezza di tramontana di circa 5/6 nodi. La variopinta carovana di vele ha lasciato l’affollatissima spiaggia estiva della base del Barracuda per percorrere, chi meno e chi invece velocemente smanioso di arrivare per primo, le 8 miglia dell’andata in circa 90 minuti. Appena il tempo di vedere l’antica torre costruita per l’avvistamento di navi dei Saraceni e Turchi nonchè di arrivare che il vento diminuisce drasticamente fino a bonaccia, con gli youths dei piu’ piccoli che vengono trainati dai gommini dell’assistenza. Purtroppo rimangono delusi tutti i turisti ed i ragazzi subito attratti dalle bellissime vele colorate per il non provare l’emozione di un giro con il catamarano: Mauro quindi deve annullare il programma pomeridiano dello stage con questo tipo di imbarcazione. Subito dopo la comitiva dei partecipanti tra crews ed accompagnatori fa visita alla TORRE del CERRANO con l’ausilio della guide turistiche. Quindi, appena arrivata l’assistenza che porta via terra tende e bagagli, tutti a montare direttamente (o non) sui trampolini dei cats l’alloggiamento per il bivacco notturno.  Docce e subito dopo cena protrattasi fino a notte fonda presso lo stabilimento balneare Itaca. Svegliano all’alba per ammirare il sorgere del sole sul mare con ulteriori immancabili stupende foto.

Domenica 23 luglio. Si smontano le tende mentre arrivano tantissimi turisti incuriositi dall’alzarsi delle vele multicolorate. Ricevuto dall’AMP dell’area protetta una sacca contenente una maglia ricordo dell’evento nonchè acqua/bibite e panini,  il ns. teacher ci dà il segnale di barche in acqua. a cento metri dalla battigia, viene effettuata una vera partenza: brevissima bolina, quindi virata da fare in prossimità di una boetta e successive mede che delimitano la più circoscritta area marina protetta. rotta verso casa ancora di bolina poichè il vento in crescendo è questa volta di direzione S/E. Ci si attende, come da previsioni dei siti meteomarini, una rotazione a sinistra, cosa che però non avviene. Risulta avvantaggiato quindi nettamente chi sceglie il largo più di quelli che bordeggiano sottocosta. All’incirca stesso tempo dell’andata. All’arrivo la stanchezza di fà un po’ sentire ma tutti sono felicissimi, con la voglia quasi di ripartire per ripeterla, in molti dicono anche piu’ di 2 giorni, a conferma delle precedenti edizioni del raid che fà vivere intensamente la passione del catamarano e lo spirito di gruppo della 808 Svagamente sailing team. Ma è normalissimo: è questo lo spirito della HOBIE WAY OF LIFE!

 

testo e foto di Sandro Marino  – Commodoro Flotta 808

Spread the word. Share this post!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *